Home » News » Congresso AITIC 2022, tre importanti novità

Congresso AITIC 2022, tre importanti novità

L’edizione 2022 del Congresso Nazionale AITIC è stata davvero speciale, non soltanto perché concomitante del ventesimo anniversario di AITIC, ma perché è riuscita a creare un tavolo di confronto da cui sono emersi tre punti molto importanti per il futuro.
Il ruolo del tecnico su tutto il percorso di gestione del campione nel laboratorio
Il dott. Fraggetta, Future President di SIAPEC-IAP, ha riconosciuto la centralità del ruolo del tecnico di laboratorio, sottolineando come questi intervenga dalla fase iniziale di accettazione fino alla consegna del vetrino istologico al patologo che dovrà effettuare la diagnosi. In questo senso, è emerso come la Digital Pathology non possa essere semplicemente l’acquisizione di un vetrino digitale. Lavorare “in digital”, infatti, richiede un mindset specifico, con l’obiettivo di sfruttare al massimo un sistema che garantisca la piena tracciabilità, così come previsto dalla legge.

Formalina: presto la manderemo in pensione?
Altro punto molto importante emerso dal Congresso è quello che riguarda i possibili sostituti della formalina, che notoriamente presenta un’elevata capacità irritante per gli occhi, le mucose respiratorie e per la pelle e che recentemente è stata riconosciuta come sostanza a rischio cancerogeno. Il mercato offre già dei prodotti più sicuri e in grado di mandare definitivamente in pensione la formaldeide: un cambiamento a dir poco epocale.

Un’edizione ricca di confronto
L’edizione del 2022 del Congresso Nazionale di AITIC si è distinta anche per aver aperto un dialogo aperto e proficuo con altre associazioni, frutto del lavoro che in questi anni l’Associazione sta portando avanti con passione e impegno. In particolare, molto fruttuosa è la collaborazione non soltanto con SIAPEC-IAP, ma anche con realtà che non si occupano nello specifico di anatomia patologica – come, per esempio, ATS ANTeL (Associazione Tecnico Scientifica Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico) – ma con cui si è già al lavoro per trovare nuove sinergie e punti d’incontro.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi